Progressive Web App

Oggi una strategia di business digitale, per essere efficace, deve tenere conto anche del comportamento dell’audience e dei numeri che genera: delle 45 milioni di persone online ogni giorno più del 76% di loro si collega al web tramite dispositivi mobile. È naturale quindi, che più un’esperienza online da mobile diventa fluida e intuitiva per l’utente e più genererà fidelizzazione e reputazione. Per questo oggi vogliamo parlare delle progressive web app e della loro utilità in termini di business.

Intanto che cosa sono? Le progressive web app sono un ibrido tra app mobile e sito web, in grado di integrare le funzionalità dei siti con le migliori caratteristiche delle app native. Ma la forza principale è soprattutto la possibilità di essere fruibili anche quando non vi è nessun tipo di connessione Internet. Per questo i tre plus di questo strumento sono sicuramente l’affidabilità, la rapidità e il coinvolgimento.

I vantaggi nell’utilizzare le PWA sono numerosi:

* Programmazione: fa risparmiare in termini di fatica operativa, di tempo impiegato e – cosa molto importante – di spesa economica;
* Disponibilità: non necessitano di installazione e per poterle avere sul proprio smartphone è sufficiente aggiungerle alla home;
* Aggiornamenti: automatici ogni qualvolta il dispositivo si connette a Internet;
* Memoria: richiedono pochissima memoria e nonostante questo mantengono un ottimo livello prestazionale;
* Offline: sono utilizzabili e consultabili anche quando non è presente una connessione Internet;
* Aperte: non sono presenti negli App Store e per usarle basta inserire l’url o il nome dell’app nel motore di ricerca.

Realizzare una PWA rappresenta quindi una scelta più immediata e conveniente rispetto al lavoro di creazione di un’app nativa, che richiede uno sforzo superiore in termini di sviluppo e controllo. Ma a seconda degli obiettivi di business è importante capire quando effettivamente conviene preferirla:

– Se dobbiamo coinvolgere e ottenere nuovi clienti su un e-commerce quando non ci sono le risorse per sviluppare più applicazioni;
– Se vogliamo raggiungere molte persone in breve tempo in aggiunta ai canali di distribuzione già presenti;
– Se puntiamo a stimolare l’engagement nel caso di un’azienda giovane che ha bisogno di interagire velocemente con i clienti;
– In generale quando vogliamo integrare e aumentare il traffico al sito web.

Insomma, non è un caso se colossi come Google, Starbucks, Twitter e Uber abbiano puntato sulle PWA all’interno della loro strategia digitale: è uno strumento versatile, economico e semplice da configurare. Per molti le progressive web app sono le applicazioni del futuro, ma in Biters la pensiamo diversamente e crediamo che facciano già parte del presente digitale in cui ogni giorno lavoriamo e soddisfiamo i nostri clienti.

Sulle PWA potete saperne di più qui: https://lnkd.in/dDe8Raf3